1950 American Diner. Un viaggio nei “fifties” made in USA!

Se siete alla ricerca di un po’ di New Jersey in Versilia, allora non potete non fare una sosta “mangereccia” al 1950 American Diner di Forte dei Marmi .

Esistono (a tutt’oggi, 21/08/2015) altri 6 diner oltre a quello di Forte dei Marmi: Calenzano (il primo, quello “storico”), Pontedera, Firenze , Poggibonsi, Figline Valdarno e Livorno (quest’ultimo inaugurato il 2 luglio scorso).

«Da molti anni cercavo di aprire un locale diverso, non il solito posto asettico. Dopo molti viaggi negli States, alcune ricerche di mercato e soprattutto dopo aver trovato il fondo giusto, ho deciso di aprire questo locale».Tristana Tramonti, proprietaria

Successivamente all’apertura del locale di Calenzano, ci sono state parecchie richieste di nuove aperture; quindi, nel febbraio 2014, è iniziato il progetto franchising con i risultati che oggi sono sotto gli occhi di tutti…

La soluzione alla “non voglia” di cucinare…

Venendo a noi… In una calda domenica di metà agosto, dal ritorno dall’Ikea di Pisa e chiaramente con pochissima voglia di tornare a casa a “cucinare” qualcosa, ci viene in mente l’American Diner di Forte dei Marmi; quindi, “buchiamo” volontariamente lo svincolo di Pisa Nord che ci immetterebbe sulla A11 verso Lucca e continuiamo sulla A12 direzione Versilia!!!

Il diner si trova pochi metri sulla destra dopo l’imbocco della strada provinciale che collega l’arteria principale nell’entroterra di Forte dei Marmi con il lungomare.

Il parcheggio è decisamente piccolo, ma vista l’ora (le 14:30), il giorno (domenica) e il fatto che è primo pomeriggio, i posteggi vuoti abbondano.

Benvenuti nel 1955!

Visto da fuori credo che sia il più carino tra quelli che abbiamo visto finora (eravamo stati nel 2014 a Pontedera poco prima di aprire il blog), più raccolto e curato. In sottofondo, musica rigorosamente a stelle e strisce: Chuck Berry, Bill Haley, The Platters, Beach Boys e via dicendo…

All’interno, praticamente è un “museo” di gingilli e cimeli in pieno stile americano anni ’50: dalle vecchie pompe di benzina ai juke box, dalle targhe ai cartelli stradali; insomma, tutto riconduce all’america di quegli anni.

Food American Style… autentico!

Ma veniamo all’ordine che abbiamo effettuato:

  • 1 Philly Cheese Steak: il famoso sandwich di Philadelphia inventato negli anni ’20 da un italo-americano che consiste in una baguette farcita con magre e tenere striscioline di manzo marinate con peperoni, cipolla e creamy cheddar. Una bontà saporita all’ennesima potenza! (anche Vanessa conferma anche se non ho voluto “smezzare” stavolta…) La carne tererissima e calda, il pane passato sulla piastra anche all’interno e le patatine fritte di contorno proprio come negli USA, ovvero con la buccia!!! La prima volta che le trovo in Italia. Simpatica e azzeccata la guarnizione del piatto con il cocomero che “spezzava” il sapore forte della carne.
  • 1 American Fish and Chips: filetti di Alaska Pollack tagliati a punta di coltello e serviti in una croccante pastellatura di cereali, accompagnati da patate fritte deeper. Pesce tenero e gustoso con la pastella croccante e saporita. Patate eccezionali come sopra.
  • 1 Apple Crumble: il tipico crumble alle mele, aromatizzato alla cannella racchiuso in un basket di pastafrolla servito con gelato alla vaniglia. Buono, ma forse troppo dolce per i nostri palati (in linea comunque con i gusti statunitensi, quindi, perfetto).
  • 1 Oreo Cake: la famosa torta al cioccolato e panna con i biscotti Oreo. Una bella fettona di classica torta che ho mangiato spesso negli USA, non eccessivamente dolce, e questo non guasta affatto.
  • 1 Coca Cola alla spina
  • 0,5L di Acqua Naturale

 

Totale: 35 euro.

La ricerca dei dettagli…

Degni di nota i camerieri che ci hanno servito: una ragazza in pattini a rotelle ed un simpaticissimo ragazzo di colore, tutti e due in “uniforme” anni ’50 che ci hanno fatto un po’ sentire nel bar della Hill Valley del 1955 in compagnia di George e Marty McFly aspettando che entri Biff Tannen a sbruffoneggiare con la sua gang…

Che dire di più; se siete amanti come noi degli Stati Uniti e volete immergervi per qualche ora nella loro atmosfera senza per forza prendere un aereo e farvi 9 ore di volo, prendete la macchina e andate in direzione Forte dei Marmi: il 1950 American Diner vi aspetta!

The following two tabs change content below.
Amo i viaggi e il cibo che trovo nei paesi che visito. Condivido le mie passioni con mia moglie, che mi accompagna in ogni mia "fuga" dalla routine quotidiana... Il mio lavoro di SEO Specialist per il network Omada, mi porta a ottimizzare i miei articoli facendo in modo che vengano trovati nel web.

Lascia un commento; è sempre gradito ;)