Viaggio con pandemia

Partenza: sveglia!

Prima tappa: Cucina

Il nostro assaggio locale propone in questa parte della giornata una bella tazza di acqua calda con bicarbonato e limone, seguita da un bicchierone di spremuta d’arancia.
Dobbiamo tenerci leggeri e attivi per il prossimo appuntamento, una vera avventura nel viaggio!

Seconda tappa: Escursione fuori zona (massimo 200 metri)

Vi proponiamo l’attività più impegnativa della giornata, perciò infiliamo scarpe ginniche, occhiali da sole a specchio (diminuiscono la possibilità di assembramento, il peggiore di tutti i rischi di questo viaggio!) e cuffie per la musica.
È il momento di un’azione molto pericolosa: aprire il cancelletto di casa!
Sempre vicino al nostro “recinto”, partiamo con un brano suggerito da Haruki Murakami per iniziare la nostra corsa: Reptile di Eric Clapton.
Avanti e indietro instancabili per i 200 metri. I più Fortunati potranno permettersi di fare il giro del quartiere, se il punto più lontano è dentro questo limite!
40 minuti passano con il fiatone. Ah già, la difficoltà di questo esercizio aumenta per l’impiego dei dispositivi previsti dai vari dpcm, la mascherina.
Ci raccomandiamo, sopra il naso.
Servirà a contenere eventuali goccioline che usciranno da naso e bocca (e l’ingresso degli insetti) quindi se dovete starnutire NON toglietela!

Terza tappa: Salotto

Stendete il tappetino e aprite Instagram.
L’ora è giusta, inizia la diretta della guru.
Non demordete, passando tra le varie Asana anche la tappa di yoga arriverà alla sua conclusione.
Le esperienze fisicamente più impegnative ve le siete tolte dal viaggio!

Quarta tappa: Bagno

Mens sana in corpore sano. E pulito.
Una bella doccia, fermata rilassante.
Per chi preferisce c’è la possibilità di usufruire del servizio extra musicale.

Quinta tappa: Cucina

Stavolta potrete scegliere tra una scodella di latte vegetale con muesli, caffè (normale, deca, con zucchero, con zucchero di canna, senza zucchero, con latte, senza latte, in tazza piccola, in tazza grande), frutta, pane integrale scaldato con burro e marmellata.
Beveteci anche un po’ d’acqua, che male non vi fa.

Sesta tappa: Ora viene il bello

In questa fase inizierete a mettervi in gioco con delle scelte.
Vi proponiamo il dove e il cosa, voi potrete mixare le opzioni in base alla vostra casa e al vostro stile di vita:
Tappa Camera, Salotto o Studio per queste attività: lettura, visione di serie su Netflix o Amazon Prime, scrittura, disegno.

Settima tappa: Cucina

Questa volta seguiamo due fasi: la preparazione prima, in piedi, e il godimento poi, da seduti.
Verranno stimolati i vari sensi:

  • vista (grazie anche all’aiuto dei social, che la esalteranno e condivideranno con altri compagni di viaggio chiusi in tappe analoghe),
  • olfatto (non è necessaria la mascherina),
  • gusto (per il climax dell’esperienza).

Se siete stati accorti nella prima fase avrete stimolato anche l’udito, con un bel soffritto o una più antiquata pentola a pressione.
Se volete proprio esagerare, potrete stimolare anche il tatto!
In particolare il sabato, impastando una bella pizza fatta da voi (a mettervi a disposizione il lievito ci pensiamo noi!).

Pensavate fosse finita? Sorpresa!
Terza fase: riordino e pulizia.
Questa parte serve per darvi un senso di liberazione.
Avrete preparato, goduto e risistemato.

Ottava tappa: Il bello continua

Torniamo alle scelte: eliminate quella già effettuata la mattina e sceglietene un’altra.
Col passare dei viaggi si aggiungeranno nuove opzioni.
Se avete il giardino, sviluppo del pollice verde e lavaggio dell’auto.
Se avete il balcone, canto e applauso. In questi casi potrete condividere con altri viaggiatori perché grazie all’internet potrete decidere insieme, assembrandovi in gruppi dai nomi più disparati tipo “Sei di paese/città x se…”, l’orario più opportuno.
A proposito di social, un’altra attività a vostra disposizione è l’inseguimento.
Altri viaggiatori racconteranno le loro esperienze e voi potrete seguirli per scoprire punti di vista differenti.
Nostro consiglio, non più di un inseguimento a viaggio, altrimenti rischierete di perdere la concentrazione dalla ciò che è più importante: voi stessi.

Nona tappa: Opzionale

All’ora in cui il sole tramonta potrete fare un’esperienza che consigliamo di vivere con cautela e preferibilmente di venerdì o sabato, così potrete condividerla con i viaggiatori in smartworki: il videoaperitivo o aperivideo o come lo volete chiamare. Potrete essere ovunque vogliate nella vostra casa, vi basteranno uno smartphone, un calice, una bottiglia di vino e l’aver sviluppato precedentemente almeno un rapporto di amicizia.

Decima tappa: Cucina

Altro stop obbligato, solita location.
L’esperienza si ripete con la modalità della settima tappa, con l’eventuale variante che se nella nona l’avete aperta, vi consiglio di portarvi la bottiglia di vino.

Undicesima tappa: Il bello sta per finire

In questo orario vi verranno messe a disposizione delle scelte ulteriori:

  • film delle più note saghe,
  • gare di F1 in modalità e-racing, con piloti veri vestiti da frutta per l’occasione e commentatori di Sky,
  • programmi TV con approfondimenti politici e sanitari (per la precisione, nel mese di marzo virologia, nel mese di aprile economia, nel mese di maggio le relazioni tra persone, dette “congiunti”),
  • ultima opzione (consigliatissima): le puntate della serie italiana più seguita e più discussa: Il Decreto.