San Francisco Fishing Lab. La Montecatini che vogliamo!

Montecatini Terme, da sempre meta privilegiata del turismo termale degli anni 80, nell’immaginario collettivo resta ancorata a quel periodo storico o al massimo viene accostata al turismo un po’ “spaccone” russo di quest’ultimo decennio.

Fino a poco tempo fa, anche noi avevamo questo “pregiudizio” sulla città della provincia pistoiese, ma dopo aver scoperto La Pecora Nera nel maggio del 2014 e l’albergo della stessa proprietà, l’Ercolini & Savi, ci siamo decisamente ricreduti.

La nuova Montecatini

Montecatini sta cercando concretamente di svecchiarsi e di scrollarsi di dosso questa nomea, proponendo ristoranti e locali giovani, ma soprattutto di giovane concezione.
Uno di questi è il San Francisco Fishing Lab (ne abbiamo anche altri nella nostra “to do list”).

Appena entrati, un nuvolo di camerieri ci accoglie. L’ora è praticamente quella dell’aperitivo, le 19:15, infatti nel locale ci siamo solamente noi e qualche straniero abituato ad andare a cena presto.
Tra noi ci chiediamo il perchè di così tanti camerieri; più tardi capiremo…

Visto che non siamo soli, ma ci portiamo come sempre dietro la bimba, ci fanno accomodare in un comodo tavolo rotondo dove lo spazio non manca di certo.

Remembering New England…

L’ambiente, come dicevamo è giovane. L’arredamento e i colori mi ricordano i ristoranti visitati nella costa atlantica degli Stati Uniti, con i toni del grigio e del beige arricchiti da qualche inserto azzurro marino, che lasciano intendere senz’ombra di dubbio l’impronta della cucina dedicata quasi interamente al mare.

Il menù è su un porta blocco con una pinza metallica nella parte alta. I fogli riportano tutto ciò che offre “la casa” in nero su bianco. Poche parole, prezzi scritti grandi: essenziale.

Noi alla vista della sezione “street food” del menù ci illuminiamo e naturalmente scegliamo da lì…

  • Buns di Tonno
  • Panino con Lampredotto di mare
  • Nuggets di Scorfano
  • Acciughe fritte (porzione aperitivo)
  • Fritto mangia tutto (porzione aperitivo)

 

La “porzione aperitivo” non è altro che una “mezza porzione”.

Ordino anche un calice di bianco “della casa” per accompagnare la degustazione. Per Vanessa, acqua naturale.

In pratica, dalla lista non abbiamo assaggiato solamente il Fish and Chips e il Bagel Vegetariano, che completavano la proposta “street food”.

Intanto il locale va riempiendosi, con i camerieri che sfrecciano da una sala all’altra con portate di pesce che inebriano l’ambiente.

Una cameriera arriva anche da noi e riempie il tavolo di vassoi… Si mangia!!!

Lampredotto di mare… questo sconosciuto!

Inizio con il panino con Lampredotto di mare, accompagnato da anelli di cipolla degni di tale nome. Uno dei migliori panini della mia vita. Il Lampredotto di mare non è altro che Polpo lavorato in maniera da sembrare Lampredotto. Saporitissimo e succosissimo. Una delizia inaspettata impreziosita dagli Onion Rings fritti e salati a regola d’arte.

Acciughe mon amour…

Il viaggio prosegue con le acciughe fritte. Asciutte, quasi croccanti e non eccessivamente salate. Buonissime e senza residui di fastidiose lische. Ce ne avessimo avute 4 porzioni le avremmo finite…

Bun… per modo di dire

Arriviamo ai Buns di Tonno. Un “hamburger” di tonno alto più di un centimetro nel mezzo del panino farcito con salse e verdure. Meno saporito del Lampredotto di Mare, ma ugualmente gustoso e insolito.

I nuggets di scorfano

Con i nuggets (polpette) di Scorfano raggiungiamo quasi la sazietà… Peccato perchè anche queste valgono il viaggio. Delicate ma al tempo stesso “piene” di sapore. Forse tra le pietanze ordinate sono quelle che più ti riempiono, forse facevamo bene a prenderle in “formato aperitivo”. Ottima la salsa con cui erano accompagnate.

Fritto misto, mi ci ficco!

Terminiamo la nostra degustazione con il Fritto mangia tutto che non è altro che un fritto misto di totani e calamari con l’aggiunta di piccoli pescetti interi da sgranocchiare e che profumavano tutta la bocca di mare… Ottimo davvero!

Sia le acciughe, il fritto misto, i nuggets e i Buns di tonno erano accompagnati da una ricca porzione di patatine fritte, tutte servite in padellini di alluminio.

E’ vero, siamo sazi. Ma lo spazio per il dolce, scavando bene, lo troviamo.

Viene portato in tavola un menù dei dolci che abbiamo apprezzato molto. Ci chiederete: perchè?
Perchè viene specificatamente spiegato che non sono loro a fare i dolci, bensì collaborano con 4 pasticcerie: Pasticceria Giovannini, Cioccolato & Company, Carlotta e i suoi dolci e La Bottega del Gelato.

I dolci!

Noi peschiamo direttamente dalle proposte de “Le torte di Carlotta“, quindi: Il Nutellone e Mangia e Godi.

Il primo non è altro che una torta di pasta frolla con crema e cioccolata semisolida a coprire. Una bella fettona, alta e bella dolce.
Il Mangia e Godi invece consiste in un pan di spagna al cacao con in mezzo una crema al mascarpone e fragole. Pasta soffice e interno dolce e cremoso con le fragole e la loro punta acidula a “sgrassare” il dessert.

La saletta seminterrata. Un gioiellino.

Prima di andare via, siccome avevo “studiato” bene il locale nei mesi precedenti sulla loro pagina facebook, ho chiesto di vedere la saletta seminterrata.
Uno spettacolo. Atmosfera intima ed ovattata, elegante, quasi “inglese”. Un camino acceso in fondo alla sala, tubazione in rame a vista, vetrinette illuminate a led piene di “cianfrusaglie” che ricordano il mare e non solo e diffusore di essenze delicato a dare un ulteriore senso di “pulito” all’ambiente (che lo è già).

Tirando le somme, che possiamo dire? Non possiamo che consigliarvi questo “posticino”, a pochi chilometri da Lucca (siamo arrivati in 25 minuti), buono sia per un aperitivo che per una cena completa a base di pesce.

Poca spesa, massima resa!

Ah già! Quasi ci scordavamo di dirvi la spesa… 50 euro in due. In verità sarebbero state 58 euro, ma visto che avevamo calcolato male le porzioni (abbiamo lasciato metà fritto e un paio di polpette di scorfano), ci hanno gentilmente scontato 8 euro dal conto (ed abbiamo apprezzato tanto il gesto, grazie!).

Torneremo sicuramente al Fishing Lab e la prossima volta vogliamo mangiare nella saletta al piano inferiore. Quindi, titolare che stai leggendo il nostro articolo… ti abbiamo avvisato! 😉

***

SAN FRANCISCO FISHING LAB
Corso Roma 112 – Montecatini Terme (PT)
Telefono: 0572 902615
Sito web: www.ristorantesanfrancisco.it

Pagina Facebook: facebook.com/San-Francisco-Fishing-Lab-235402246557357

The following two tabs change content below.
Amo i viaggi e il cibo che trovo nei paesi che visito. Condivido le mie passioni con mia moglie, che mi accompagna in ogni mia "fuga" dalla routine quotidiana... Il mio lavoro di SEO Specialist per il network Omada, mi porta a ottimizzare i miei articoli facendo in modo che vengano trovati nel web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.